3722 visitatori in 24 ore
 150 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro



Massimiliano Moresco

Mi chiamo Massimiliano Moresco, sono nato a Genova nel 1976. Potrei iniziare la mia biografia dicendo “fin da quando ero piccolo, anzi in culla, anzi prima della nascita, ho avuto una naturale propensione per la scrittura.” Che poi, tra l’altro, perlomeno nel mio caso, non è nemmeno vero. Anzi. In ... (continua)


La sua poesia preferita:
Come Prévert
Egli gridò,
gridò il suo sdegno
al cielo
per un mondo
ridotto a stagno
con rane saltellanti
dal suo sé
così distanti.

Però sorrise
al confine dei monti
che celava
i suoi racconti
le sue...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Io e la mia ombra
Fummo silenzi ostili
e tu su me,
ombra avvinghiata,
armatura sventrata
per poco avvolgesti i miei canti.

Fosti un corno che fiutava l'aria
ed ogni fiato seminava furia
dov'io mangiai di sbieco
la valvola della tua anima svuotata....  leggi...

Occhi di seta
Quando parli col pensiero in grembo
e la tua voce si diffonde profonda
come la pianta che radice affonda,
il tuo timbro è poesia.

Quando il tuo sorriso di mezzaluna
lampeggia sorridendo nei cieli neri
illuminando quegli oscuri pensieri,
la...  leggi...

Cosa sarà
Cosa sarà del lungo silenzio
quando sarà violato dalle parole
quando saremo in un campo di viole
a morire soli come Soli tra le stelle.

Cosa sarà del furore delle vette
quando il rumore diventerà fragore
quando saremo...  leggi...

Una dolce preghiera
E' una dolce preghiera
l'accovacciarsi di un figlio
nel grembo di madre.

E' un dolce sognare
sentir quei palpiti
fin dai primi vagiti
di sospiri e aliti.

E' una speranza d'immenso
quel dolce cantare
quel suono che sale
e nel quale...  leggi...

Ali di cigno
Occorre essere un po incoscienti
per essere almeno ridenti
per spiccare il volo con ali di cigno
per smembrare quel viso
col tempo, divenuto arcigno,
per essere ruscello che solca praterie,
diventare quella prateria che si liscia
con il dolce palmo...  leggi...

Genova
Genova la tua bocca
è uno specchio grigio
che inghiotte, in gola vorace
ogni sussulto di marea.

La vedi dal mare, distesa
sperse case accatastate come legna
una sopra l'altra, sparse.

Genova difesa da densi muri
noncurante, senza...  leggi...

L'anima mercuriale
Quanta amarezza trascino tra le stanche braccia
quanto tormento assegno al mio cuore
acciottolo pensieri nel sentiero dell'anima
per favorire i suoi rotondi ghirigori.

Sono una spugna che assorbe dolore
traggo dall'esistenza stille di sudata...  leggi...

Voglio strisciare
Voglio strisciare
per annichilire il mio orgoglio
sfrontato, teso, avvolgente.
Rido in faccia al mio avversario
nel becero duello apparentemente vario
nell'umiliazione, sconfitto oltre il pudore,
leggo sulla sue ciglia a mezzaluna
stordente...  leggi...

Massimiliano Moresco
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Come Prévert (10/03/2014)

La prima poesia pubblicata:
 
Maestri (10/12/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Vena (21/03/2018)

Massimiliano Moresco vi consiglia:
 L'inchino del sole (02/01/2013)
 Lieve (23/12/2012)
 Una goccia sospesa nell'immensità (07/01/2013)
 Il cielo nel nido della mano (23/07/2013)
 Maledetta bolla di sapone (05/06/2013)

La poesia più letta:
 
Come Prévert (10/03/2014, 3731 letture)

Massimiliano Moresco ha 9 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Massimiliano Moresco!

Leggi i segnalibri pubblici di Massimiliano Moresco

Leggi i 1628 commenti di Massimiliano Moresco


Leggi i racconti di Massimiliano Moresco

Le raccolte di poesie di Massimiliano Moresco

Massimiliano Moresco su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 05/02/2017
 il giorno 30/01/2016
 il giorno 23/01/2015
 il giorno 16/01/2014

Autore della settimana
 settimana dal 22/09/2014 al 28/09/2014.
 settimana dal 28/04/2014 al 04/05/2014.
 settimana dal 02/12/2013 al 08/12/2013.

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Massimiliano Moresco? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Massimiliano Moresco in rete:
Invia un messaggio privato a Massimiliano Moresco.


Massimiliano Moresco pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Orlando Furioso

L’Orlando furioso è un poema cavalleresco composto da 46 canti in ottave. L'opera, riprendendo la tradizione del ciclo (leggi...)
€ 0,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Massimiliano Moresco

Come Prévert Fantasia
Egli gridò,
gridò il suo sdegno
al cielo
per un mondo
ridotto a stagno
con rane saltellanti
dal suo sé
così distanti.

Però sorrise
al confine dei monti
che celava
i suoi racconti
le sue linee
verticali.
Amava
in particolar modo
con un dito nero
sottolineare e illuminare
il suo mistero.

Il suo psichiatra
barista
che annuiva a tutti,
-fuso come scamorza-
gli appariva
e scompariva
come Prévert sul boulevard.

Forse perché
lui parlava
anche ai muri
ai gatti
ai cani
ai bambini strani,
era davvero
matto.

Tuttavia il suo gatto
sette vite
da giocare a dadi,
lo guardava
con occhi di serpente
scavando fosse
nelle radici
degli occhi.

E capiva,
lo capiva
quando rideva
senza freno
solo
come uno scemo.

Era lui
uomo sotto scacco,
solo lui
tutto intento
ad espugnare
il senso
del comune sentire.


Massimiliano Moresco 10/03/2014 06:55| 9| 3848

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Nota dell'autore:
«Ciò che è ritenuto normale, spesso non sembra avere una collocazione ben precisa nell'orizzonte della felicità...»


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Previo ...Prevert... signori miei, tengo a precisare che codesto è un testo altisonante, non solo, suona! Lo sentite? Non ha registro stilistico Marinettiano ma gorgheggia, fa rumore, sveglia coscienze e sangue. Non è un testo di Dafoe o Richardson ma è allo stesso modo un affresco spettacolare, uno scritto ancillare epocale. L'autore è il servo "libero" di stesso. È un testo senza catene Prevertiane, è un testo del Moresco. autore del giorno.»
Matilde Marcuzzo (05/02/2017) Modifica questo commento

«versi di grande impatto e di denuncia di un modo di fare che è ormai insito nel nostro mondo,
complimenti»
Merlino (27/11/2015) Modifica questo commento

«Una poesia che ha un ritmo particolarmente curato e rende la lettura fluida, non solo... si sposa bene con il contenuto apparentemente "bizzarro"... poi sotto sotto, invece sprigiona quel tocco geniale che rende il tutto, unico e personalizzato, originale. Quante volte abbiamo additato il "tipo strano", colui che parla solo, che fa monologhi o si rivolge agli alberi, ai muri... tanto da sembrare matto. Invece quanti dietro quella veste nascondono la loro ribellione, il "controvento", l'andare all'opposto, anche in pochi, anche uno... Conta la lotta, conta "la voce" che si stacca dal coro, quella probabile Eccezione... alla regola, il distacco dalle convenzioni. Eloquente, veritiera, matta quanto basta... apprezzatissima»
Elle (11/03/2014) Modifica questo commento

«Cos'è che riteniamo normale?
"Bisognerebbe tentare di essere sempre felici, non foss'altro per dare l'esempio" disse Prevért.
E la moltitudine che fa? Indugia nello stagno?
Dunque è questa la normalità o quella pura sana follia che si contrappone in questa che è una lirica che ben esprime lo stile anarchico di Prevért con il tocco dell'humor che contraddistinguevano le sue "histoires" con il loro gioco di parole imprevedibili e solo in apparenza banali, ma quante verità nascondono?
L'autore molto bene ha saputo ricreare questa magia, il risultato poetico che ne esce è eccellente, frizzante, innovativo nello stile e nella sua fluidità.
Espugnare il senso del comune sentire?... certo è il senso di alta poesia.»
Catia Dinoni (10/03/2014) Modifica questo commento

«Era lui
"Uomo sotto scacco,
Solo lui
Tutto intento
Ad espugnare
Il senso
Del comune sentire."
che dire di questa strofa che riesce contemporaneamente a parlare del protagonista e della società, dell'individuo e della folla... che ne esce distrutta, chiusa in luoghi comuni e stereotipi... quel comune sentire che non sempre è "comune" ma solo accodarsi...»
nemesiel (10/03/2014) Modifica questo commento

«Poesia romanza che sento molto mia perché valutato come un'entità psico fisica che si colloca per sua natura oltre quella che è considerata la normalità, cioè quel limbo dove tutti fanno e pensano le stesse cose accettando l'omogeneità di massa come se questo comportasse reciproco arricchimento e non il basso livellamento dell'umanità nella mediocrità intellettiva e spirituale ristagnando nella povertà.»
andrea ristori (10/03/2014) Modifica questo commento

«anch'io dico un capolavoro... stile impeccabile belle metafore bella dall'inizio alla fine... il mio elogio»
Club Scriverecarla composto (10/03/2014) Modifica questo commento

«Parlare a tutti... bellissima immagine di un grande pazzo di follia sana. Poesia veramente molto particolare ed apprezzata moltissimo»
Antonella Dadone (10/03/2014) Modifica questo commento

«Tuttavia il suo gatto
Sette vite
Da giocare a dadi,
Lo guardava
Con occhi di serpente
Scavando fosse
Nella radice
Degli occhi.
.
credo che in questa tu ti sia superato.
Scorrevole, decisa e chiara.
Metafore non troppo pesanti, ben equilibrata.
I miei Compli menti»
EnzoL (10/03/2014) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Fantasia
Infinito
Cadere
Ho visto?
Preludio
L'ultimo soffitto (ode alle verbosità)
Scardinare il ruvido
Ovattato
Datemi un asocial network (paturnie notturne)
Si, non c'è alcun ragionevole dubbio
Come Prévert
Era
Vedi caro bambino

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2013
Diversamente abile Oltre la porta (Riflessioni)
Stella Tema libero

Massimiliano Moresco
 I suoi 2 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Voci (08/01/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Microchip (27/03/2015)

Il racconto più letto:
 
Voci (08/01/2015, 677 letture)


 Le poesie di Massimiliano Moresco



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it